Home         
 
 

Prima di parlare di sicurezza bisogna crederci!

 

Oggi 8 Maggio 2009, nel giro di poche ore è stato rifatto il dosso sull’incrocio di via Iotti con via Tomba. In funzione già da almeno un mese, ritenuto regolare dall’amministrazione comunale, è comunque stato allungato su via Iotti nella direzione Guastalla e Suzzara. Tutto da rifare, segnaletica compresa. Probabilmente qualcuno ha fatto notare la non conformità con il Decreto 19 aprile 2006 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale no 170 del 24 Luglio 2006 a titolo “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle intersezioni stradali”, con riferimento al paragrafo 4.6 riguardante le “distanze di visibilità nelle intersezioni a raso”, ed altre ancora.

Qui a fianco si può vedere come era l’incrocio fino a questa mattina, sotto invece l’incrocio come è dalle è 17 in poi.

Cioè: senza righe orizzontali, senza nessun cartello di segnalazione cantiere, senza una sufficiente illuminazione   (qui non siamo a Po), rimane solo il precedente cartello orizzontale ma troppo poco per chi ad esempio non è del posto o non si è ancora accorto della modifica, solo la presenza di sabbia fa intuire un pericolo dovuto ad un cantiere.  Non è ancora finito certo, ma allora va segnalato come dovuto. L’intervento fin dall’inizio sbagliato ma motivato dalla necessità di sicurezza in un punto dove fino a quando il traffico era triplo di quello attuale, non si erano mai verificati incidenti gravi; ora a causa del dislivello creatosi tra l’asfalto ed il precedente livello della cunetta, pedoni, ciclisti e motociclisti per non cadervici dentro sono costretti a stare più verso il centro con conseguente aumento dei rischi. A questo punto non resta che attendere eventuali sviluppi e sperare che vengano presto le ferie, almeno certe menti non produrranno altri danni oltre alle beffe che già subiamo. Tanto poi, chi paga? E chi pagherà i danni alle case dovuti alle vibrazioni del terreno? Vedere a tal proposito la norma UNI 9916:1991 "Criteri di misura e valutazione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici"