Home         
 

Fatti, pugnette e pugnette da rifare

 

Alcuni giorni fa e precisamente l’8 giugno 2009, ho ricevuto una mail da un Consigliere di maggioranza che però non nomino poiché probabilmente era una mail personale e non rivolta al pubblico del sito, visto però il messaggio nemmeno troppo velato che vuole trasmettere, ritengo giusto mettervene a conoscenza.

Mi sembra giusto che venga data informazione anche sulle cose positive e non solo di quelle negative che fino ad ora abbiamo pubblicato.

 

Ciao Roberto, noi Luzzara ce l'abbiamo nel cuore, non la sputtaniamo sui giornali!
Unto di gomito e caparbietà!!!!!
Leggi la lastra dedicata agli uomini di Pò e riflettici sù.

1

2

    e…3

Fatti!!!!! non

Pugnette sui giornali.

 

Penso che il Consigliere volesse dare risalto al fatto che non tutta l’opposizione (io in pratica), è sempre molto critica nei confronti di questa Amministrazione, ma vi è anche chi come il Consigliere di opposizione Federico Luppi (il primo a sinistra) è molto più collaborativo e disponibile. Lo stesso consigliere infatti è geometra e responsabile del porto della Garzaie ed ha avuto modo di collaborare in più occasioni anche col Responsabile del servizio Uso ed Assetto del Territorio Dott. Arch. Bellini, io invece a differenza di lui, non riesco a tacere né in consiglio né fuori e per questo probabilmente sono malvisto dalla maggioranza.

Ben vengano quindi le collaborazioni tra maggioranza ed opposizione e le giuste manifestazioni di orgoglio per avere domato il porto impazzito.

Preferirei però che nessuno si stupisse quando porto in Consiglio Comunale la documentazione che i lavori di sistemazione e pulizia presso il porticciolo di Luzzara li fa l’Associazione culturale “Il Fontanazzo”, non Sabar o Global Service, l’Auser o la Pro Loco, magari anche gli  stradini, non Infrastrutture Fluviali (società che paghiamo per gestire il porto),  ma “Il Fontanazzo” in cambio di 5.000 euro  con Determinazione numero 124 del 20/04/2009 a firma del responsabile Uso e Assetto del Territorio, Dott. Arch. Bellini.

Non mi sento però di infierire più di tanto poiché l’iniziativa probabilmente era per un buon fine e infatti ho scoperto un articolo che spiega tutto: 

 

Luzzara, nuovi pc per la scuola donati dal sodalizio Il Fontanazzo

LUZZARA. Andrea Costa, presidente dell’associazione Il Fontanazzo, insieme ad alcuni volontari, ha consegnato al direttore dell’istituto comprensivo, Roberto Ferrari, otto postazioni informatiche composte da computer, monitor lcd con web-cam, casse audio e sistema operativo.  A questi pc si aggiungono quelli donati sempre dal Fontanazzo, all’asilo nido comunale e alla scuola materna parrocchiale. «In tutto la donazione supera i 5mila euro - ricorda Costa - circa mille euro li abbiamo raccolti con la manifestazione Un, Due, Tre Festa che si è svolta al parco di via Panagulis, il resto è stato coperto con fondi dell’associazione. Voglio ringraziare la ditta Zoboli Informatica che ci ha praticato prezzi di assoluto favore ed ha curato l’installazione dei nuovi computer».  Con i pc consegnati è stato così rinnovato il laboratorio d’informatica delle elementari. «L’intenzione è quella di proseguire su questa strada - prosegue Costa - facendo che Un, Due, Tre Festa diventi un appuntamento fisso e i cui ricavi vadano alle scuole».. Presenti alla semplice cerimonia l’assessore Mirko Terzi e Alfredo Ghidini, rappresentante dei genitori: «La scuola attraversa un momento di crisi - ricorda Ghidini - ma la comunità luzzarese dà risposte concrete. E’ molto importante per gli insegnanti percepire che i luzzaresi sono al loro fianco e li sostengono, riconoscono e apprezzano il loro sforzo quotidiano. Sono orgoglioso, da fondatore del Fontanazzo, che un’iniziativa come questa sia partita da questa associazione».

 

Anche noi lo siamo! Senza se e senza ma.

 

Ora almeno insieme agli altri 5.000 euro che Zoboli ha fatturato al Comune (dal 2006 a oggi ne ha fatturati 71.355 e quasi altri 200.000 altri fornitori), possiamo dire che le nostre scuole sono all’avanguardia e sicuramente ben attrezzate. Sempre che non sia la storia di Pippo, l’aereo che dal 40 al 45 sorvolava i nostri cieli in continuazione volendo far credere che fossero in tanti, ovviamente è solo una battuta non penso che nessuno arriverebbe a tanto.

 

Per dovere di cronaca però dobbiamo mostrarvi anche “pugnette” che sono già state rifatte:

 

Via Iotti prolungamento del dosso all’incrocio con via Tomba (non regolare)

Dosso di Codisotto, la prima rappezzatura dopo la denuncia al Ministero dei trasporti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’attuale situazione del dosso  (comunque illegale, vedere gli articoli sul sito)

 

E “pugnette” che necessariamente sono da rifare con unto di gomito e unguento per i calli !!!!!

 

 

Dosso di via Dalai (di fronte all’oreficeria) come era ai primi di giugno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo stesso dosso il 15 giugno (sparito)

Via Avanzi dopo la scomparsa di Decimo il dosso vicino al Municipio (vedi articolo)

Dossi artificiali di via Panagulis, strada del bocciodromo (pericolosi  e illegali, vedi norme)

Parcheggio delle scuole medie dopo aver speso 130.000 per la sicurezza

Area scuole, il cartello richiama il Decreto Legislativo 195 sulla individuazione delle capacità e dei requisiti professionali richiesti agli addetti ed ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione dei lavoratori. Nulla a che vedere con videosorveglianza

 

Il cartello non è a norma in quanto non indica chi, come, quando e per quali motivi effettua la ripresa. Chi ne è il responsabile, se e per quanto tempo avviene la registrazione, ecc.

Area scuole medie, evidenti infiltrazioni (anche all’interno), tempo fa la scuola è anche rimasta chiusa