Home         
 

 

Considerazioni di Perini sulla condanna per danno erariale da parte della Corte dei Conti

 

Copia del testo di risposta pubblicato su Facebook                                                                     pub. 16/10/2016

 

Caro Luca un comune amico mi ha detto di vedere su face book che uso pochissimo quanto scrivevi in relazione alla vicenda Carnevali. L’ho fatto e mi sento di comunicarti serenamente alcune considerazioni.

Ti dico intanto che questa vicenda è una sconfitta per tutti.

Intanto i tempi : si arriva dieci anni dopo i fatti.

Poi la conferma che se esistessero dei controlli preventivi non si sarebbe arrivati a questo punto. Purtroppo non ci sono, sono stati aboliti. Un controllo preventivo avrebbe consentito da subito di verificare la illegittimità dell’incarico a Carnevali, il comune avrebbe risparmiato , il sindaco e la giunta non sarebbero incorsi in errore. Dire a qualcuno che sbaglia è la miglior cosa che si possa fare per aiutarlo.

Ma nel merito credo che la questione sia chiara, la sentenza non parla di errori formali, tanto è vero che non considera l’assenza di laurea a motivazione della condanna. Ma va alla sostanza. Carnevali non aveva i requisiti di alta professionalità richiesta e questa è la prima questione. La seconda è che non è che non abbia lavorato ma che è stato pagato troppo per quel che doveva fare (il 180% in più di quanto doveva essere pagato stima la prima sentenza La terza è che non si sono verificate le professionalità interne. Inoltre a corollario non si è proceduto ad una selezione, ma si è preso acriticamente Carnevali.

In merito poi ai risparmi francamente non riesco a capire dove siano. La realtà è che l e previsioni del bilancio preventivo 2009 sono state tutte sbagliate (non male come controllo di gestione efficiente) e il Comune di Luzzara nonostante le vendite degli immobili ha chiuso (sono stati pochissimi i comuni in questa situazione) in disavanzo il 2009 . Se ha chiuso in disavanzo dove sono tutti questi risparmi. E per sistemare i buchi si è avuta la triste vicenda della vendita degli immobili a fronte dell’appalto dell’inutile nuovo magazzino, gia’ sanzionato dall’autorità anticorruzione. Francamente qualche insegnamento si dovrebbe trarre. Dimenticavo poi un aspetto: il Consiglio Comunale sul fatto non ha responsabilità alcuna L'affidamento dell' 'incarico era prerogativa del sindaco, gestito in toto da lui , così come gestì le assunzioni e gli allontanamenti dell'ufficio tecnico

 

Ulteriori considerazioni

Non si tratta di errori formali . La Corte dice espressamente “il carattere indubbiamente fiduciario delle nomine non può debordare nell’arbitrio ma deve comunque corrispondere a dei canoni (sindacabili in questa sede) di ragionevolezza e buona amministrazione”. Dicendo in pratica che il sindaco non ha esercitato i propri poteri con ragionevolezza e buona amministrazione.

Credo poi  che vada ripresa una vecchia proposta fatta da Alfredo e me. In sostanza considerato che l’incarico a Carnevali ha causato un danno erariale, penso sia corretto utilizzare le somme che arriveranno al comune a ristorno di tale danno , per diminuire la pressione fiscale. 

 

                                                                                                                            Cesare Perini