Home         
 

 

Candida neve                                                        pub. 06/02/2015

 

Che bella la neve d’inverno o meglio come sarebbe bella se il sindaco non se ne fregasse dei disagi che procura ai suoi cittadini. Ad inizio del suo mandato, nel 2010 sempre su questo sito, riportammo una analoga disfunzione nello sgombro della neve. VEDI Global e lo spazzamento neve del 23/04/2010

A fine mandato, il suo primo, ma senza dubbio verrà rieletto ancora visto l’ampio sostegno del popolo bue del PD e di molti altri ancora, si ripresenta lo stesso disagio per i luzzaresi. Da notare che ad esempio a Suzzara alle ore nove del mattino era già passato per la terza volta lo spazzaneve. Noi invece ci siamo rimboccati le maniche e ci siamo sostituiti al comune facendo un servizio che era suo dovere e per il quale paghiamo, sgombrare le vie luzzaresi. I primi spazzaneve si sono visti solo nel pomeriggio, un passaggio veloce  e via. Ovvi i reclami della gente, ai quali il nostro sindaco (sempre impegnato a raccontare balle su Facebook invece di svolgere il compito per cui è pagato), risponde così.

 Partiamo subito col dire che le previsioni non hanno toppato ma è stato Costa ad ignorarle, in quanto ad esempio se andate a rivedere la vetrina solitamente usata per enfatizzare gli eventi e  le grandi gesta delle aziende vicine al PD nonchè dei sindaci PD, cioè  la Gazzetta di Reggio on-line di Martedì 3 febbraio (tre giorni prima), scoprirete che diceva:

 

Si prevedono dunque nevicate fino alla pianura su tutto il settore centro-occidentale. Estensione delle nevicate in pianura nel settore orientale nel corso della serata di giovedì. Per la pianura, si parla di 10-30 centimetri, collina 20-40 centimetri, montana oltre i 50 centimetri.

 

Chi invece ha cannato svariate volte è proprio Costa e prima di lui la precedente amministrazione che ha iniziato ad esternalizzare i servizi giurando che i cittadini ne avrebbero tratto vantaggio, invece il tempo ci ha confermato il contrario e che sono solo i soliti amici, di partito e non, ad avvantaggiarsene. In un articolo del 2010 (su questo sito) scrivevo: VEDI Il fallimento dell’esternalizzazione dei servizi del 21/04/2010

Ormai tutti si sono resi conto che l’esternalizzazione dei servizi non ha portato i vantaggi promessi, anzi ha prodotto solo burocrazia, inefficienza e danno economico. L’egoismo degli amministratori, li ha portati a scambiare un posto di lavoro con golosissimi contratti milionari, è il caso ad esempio dell’accordo tra l’ex sindaco Donelli e la Global Service. E’ l’indifferenza dei cittadini che consente lo svilupparsi di una tale mal gestione, la loro assoluta fedeltà ad un simbolo di partito, troppo spesso sfruttata abilmente dall’amministratore di turno, al punto tale che gli credono ciecamente anche quando questo mente e accusa di falsità chi cerca di rispondere al proprio mandato di “controllore”; le norme infatti stabiliscono il ruolo di gestione e controllo dei consiglieri comunali, purtroppo non è quasi mai possibile svolgere tale ruolo in comuni piccoli come il nostro o,  anche quando fosse possibile accedere alle informazioni, sono gli stessi cittadini che ostentano indifferenza, anche quando la documentazione è schiacciante. Solo pochi anni fa erano i comuni, con i propri dipendenti, a porre rimedio ai problemi che di volta in volta si presentavano e immediatamente, la memoria corre a quando i contadini locali giravano in continuazione coi loro trattori per liberarci dalla neve, stando attenti a non “murarci” il cancello, allora erano sufficienti poche ore e la lampada del lampione veniva puntualmente sostituita, gli stradini giravano con catrame e badili e le buche venivano in qualche modo sistemate, era tranquillizzante anche vedere i vigili urbani (oggi polizia Locale), girare in motorino o in bicicletta e fare prevenzione anche scambiando chiacchiere coi cittadini e tutti sapevo tutto di tutti, allora però c’era molta più partecipazione e controllo.

L’origine di tutto sta nell’affidamento definitivo in Global Service di servizi integrati a Luzzara per il periodo 01.10.08/30.09.2017, Determinazione n. 297  del 01/10/2008 VEDI che segue la Determinazione n. 219  del 20/06/2008 VEDI

IN questi documenti si dice:

- CHE il prospetto dei costi, per una durata di anni 9, ad esclusione del servizio di manutenzione del verde e del servizio manutenzione neve previsti per anni 8, con un costo stimato annuo di € 475.462,96 pari a complessivi € 4.279.166,67, oltre l’IVA di legge, dettagliato e distinto come segue:

SERVIZIO

COSTO ANNUO

COSTO TOTALE

Gestione calore

20.833,33

187.500,00

Servizio fornitura di combustibile (gas metano)

150.000,00

1.350.000,00

Servizio Illuminazione Pubblica e fornitura energia elettrica

84.166,67

757.500,00

Manutenzione ordinaria del patrimonio edilizio

41.666,67

375.000,00

Manutenzione stradale e segnaletica verticale e orizzontale

62.500,00

562.500,00

Sgombero neve (anni 8)

15.833,33

126.666,67

Manutenzione aree verdi (anni 8)

115.000,00

920.000,00

 

In pratica lo sgombro neve ci è costato 126.666,67 €, scoprimmo però poi che lo sgombro neve non era tale ma che come scritto nella delibera di Consiglio Comunale numero 3 del 12/01/2010 su specifica richiesta di Nosari, il sindaco Donelli motivava dicendo che “.. la convenzione con la Global prevede solo l’immobilizzazione dei mezzi e non il servizio di spazzamento vero e proprio”. Infatti nella Delibera di Giunta n.134 del 22/12/2009 ad oggetto prelevamento dal fondo di riserva ai sensi dell’arr.176 t.u.e.l., il sindaco autorizza un prelievo di 20.000€ per lo spazzamento neve. La nevicata del 2009 ci è costata quindi 35.833€. Contro i 21.300€ della Determinazione n. 199  del 18/06/2007 ad oggetto: lavori di sgombero neve da aree e strade comunali liquidazione di spesa ditta Morselli Stefano di Guastalla. Negli anni precedenti addirittura erano i contadini locali che con i loro trattori ci liberavano ripetute volte al giorno dal disagio dovuto alla neve, per costi totali ancora inferiori.

Succede quindi che l’indimenticabile responsabile dell’ufficio tecnico di allora, Dott. Arc. Massimo Bellini, manda la sua prima lamentela sulla gestione integrata del calore alla Global. Scarica il documento con Protocollo 11.780 del 16 Novembre 2009 VEDI

Il giorno 6 Febbraio 2010 parte la seconda lamentela con documento protocollato con il numero 1393. In questo documento il Responsabile dell’Ufficio Uso ed Assetto del Territorio, Dott. Arc. Massimo Bellini, si lamenta presso la Global Service dell’inesistente servizio “sgombro neve” ad essa appaltato e fa notare come il comune abbia assunto direttamente (come faceva prima), la gestione di tale servizio. VEDI

Si arriva piano piano ad un costante aumento dei costi, basti vedere gli 80.000 € impegnati tramite la Determinazione n. 263  del 16/11/2013 ad oggetto: sgombero neve su aree e strade comunali - impegno di spesa. Ovviamente sono esclusi i 15.833 € della immobilizzazione dei mezzi. Se poi qualcuno ricordasse l’inesistente nevicata dello scorso anno dovrebbe anche scandalizzarsi per il costo di   49.550 € pagati con la Determinazione n. 245  del 03/10/2014 ad oggetto: sgombero neve su aree e strade comunali -  liquidazione Gesta spa. Ovviamente esclusi i 15.833 € di immobilizzazione mezzi.

Finalmente nel 2014 qualcuno si accorge che la Global Service si prende i soldi dal 2008 al 2017 per un servizio che di fatto non svolge, come ad esempio la manutenzione strade e segnaletica verticale e orizzontale che è costata 62.500 € all’anno dal 2008, cioè 390.000 € fino ad ora e tutti sappiamo come sono ridotte le nostre strade. Sono anni che non vengono rifatte le righe bianche e fu lo stesso Costa a lamentarsi della cosa in una delle sue tante apparizioni su Facebook e documentato anche su questo sito. La cosa peggiore però è che quel poco di segnaletica che è stato rifatto è stato quasi sempre pagato a parte e affidato alla ditta Govoni srl di Palidano di Gonzaga (MN).

E’ probabilmente dopo essersi resi conto che la Global sta mungendo il comune senza dare nulla in cambio che la Giunta Comunale vota con Delibera n.168 del 15/12/2014 oggetto: approvazione dello schema di atto di transazione tra il comune di Luzzara e Gesta spa ai sensi dell’art. 239 del d lgs 163/2006 con la quale:

 

Punto 3.           Il Comune di Luzzara e GESTA S.P.A, di comune accordo e come meglio specificato nelle premesse, con la sottoscrizione del presente atto dichiarano di stralciare dal contratto rep. 6938 del 16/10/2008 di GLOBAL SERVICE quanto segue:

-           il servizio di sgombero neve a far data dal 15/11/2014;

-           il servizio di manutenzione stradale, della segnaletica verticale ed orizzontale a far data dal 01/01/2015;

Punto 4.           Il Comune di Luzzara si impegna ad affidare direttamente i servizi di manutenzione stradale e della segnaletica verticale ed orizzontale, nonché  di sgombero neve;

 

A questo punto il nostro comune non ha più nessun contratto per la segnaletica stradale e per lo sgombro neve ma non si preoccupa minimamente di trovare una soluzione alternativa. All’epoca del documento eravamo a metà  Dicembre e le nevicate erano più probabili che in Agosto ma questo non suggerisce nulla a nessuno. Va ricordato che l’emergenza neve dovrebbe essere stata inserita nel piano comunale di Protezione Civile già a seguito della legge 225 del 1992 (23 anni fa). Il nostro sindaco però si ricorda della Protezione Civile solo quando ne può trarre il massimo vantaggio come immagine, come durante la piena, del tutto normale e come tante altre in precedenza. Costa ha mobilitato uomini e mezzi a volontà impiegandoli solo a fare spettacolo. Chiediamoci ad esempio che senso aveva avere la P. C. in divisa sull’argine fermi con le mani in tasca di giorno per poi far loro staccare il turno a mezzanotte, forse che di notte il Po non fa paura? No, solo perché di notte non gira più nessuno e non vi è nessun ritorno di immagine. Anche per il presidio della strada per Guastalla era fondamentale avere la Protezione Civile sul posto, non potevano bastare le comuni transenne?

Costa ha meditato ben più a lungo il progetto rotonde. Nel Maggio del 2014 ha fatto piazzare degli enormi cartelli sulle rotonde di Codisotto e Casoni dove si annunciava che la rotonda era in allestimento (e lo è tutt’ora) con il fondamentale contributo del Consiglio Comunale dei Ragazzi. Non ha però pensato di organizzare una eventuale emergenza neve. La neve viene e va in poco tempo e la gente dimentica presto.

Obiettivo apparire, apparire sempre, come quando ha trovato il gattino e lo ha adottato, come molti altri cittadini che però non hanno sentito la necessità di comunicarlo al mondo intero, oppure quando è salito sulla torre per verificare di persona i danni prodotti dal terremoto o quando si è fatto fotografare sui tetti dell’asilo con lo sfondo dei pannelli solari messi da altri, oppure quando ha cercato di incolpare l’AIPO per le pozzanghere sull’argine. Come avranno mai fatto i sindaci degli altri comuni senza il costante collegamento a Facebook? Sarà per questo che Costa li ha sbaragliati tutti ed è diventato segretario del PD provinciale, proprio lui che ha chiesto scusa ai cittadini che votarono PD?  A chi serve un sindaco che pensa solo a curare la propria immagine ma non sa gestire il proprio territorio? Ai luzzaresi masochisti serve senz’altro perché lo rieleggeranno nuovamente per poi continuare a lamentarsi delle cose che non vanno.

 

                                                                                                                                         Roberto Nosari