Home         
 

 

Intervento in Consiglio Comunale da parte di Cesare Perini          pub. 08/10/2012  

 

A leggere cosa ha combinato Fiorito non si sa se ridere o piangere. Credo ci sia da piangere. Il problema è però che Fiorito è sicuramente un personaggio incredibile,  fuori di testa, che si è appropriato di denaro pubblico per usi personali, ma le Regioni hanno completato una operazione  che ha eretto a sistema la frode ai cittadini. Avevamo votato per abolire il finanziamento ai partiti e il caso Lusi ci ha fatto scoprire che i partiti hanno trovato il modo di finanziarsi in misura ben maggiore della situazione antecedente il referendum. Poi il caso Fiorito ci ha fatto scoprire che non contenti di ciò tutti i partiti in tutte le regioni hanno trovato il modo di ulteriormente finanziarsi. Credo che veramente  la misura sia colma. Sul Sole 24 ore di oggi (28/09/2012) troviamo una inchiesta sulle spese delle Regioni. Dal 2001 al 2010 le spese della regioni sono incrementate del 40,3%. Sono passate dal 107,6 miliardi a  151 miliardi. Se avessero seguito il tasso di inflazione sarebbero salite a paco più di 130 miliardi con un risparmio di oltre 20 miliardi. Cose da pazzi. 

In questa operazione  la regione Emilia Romagna che pure ha un costo per abitante fra i più bassi (inferiore solo alla Lombardia, mi pare) ha avuto un incremento pari al 51,8% passando  dai quasi 6,7 miliardi   del 2001 agli oltre 10 del 2010. Se si fosse rispettato il tasso di inflazione si sarebbe arrivati  appena sopra agli 8 miliardi con un risparmio di quasi 2 miliardi.. E’ poi impressionante che la voce che più incrementa  è la voce per organi istituzionali che in 9 anni raddoppia. Nel contempo la Regione nello stesso periodo ha incrementato l’addizionale del 53,5%

Non si può continuare ad operare in questo modo e poi dire ai cittadini che non ci sono soldi. C’è la crisi, ma non per tutti.

Allora credo che si debba cambiare. Anche il nostro Comune agisce sulle addizionali, sull’ IMU sulla prima casa, praticamente al massimo, in una situazione pesantissima che vede i cittadini in grave difficoltà abbiamo incrementato anche la tassa rifiuti, IREN ormai costa ben più del cibo, ma si può andare avanti così? Ma il comune come ha speso i soldi?

Qualche piccolo episodio :

1)      Cava luccio come è tenuta, che utilità ha per i cittadini?

2)      Porto delle Garzaie: mi pare si commenti da solo:  è in uno stato di abbandono deplorevole

3)      Casa cantoniera che utilità ha? – a proposito esaminando i PEG non vediamo traccia di pagamenti negli ultimi due anni, nonostante l’esiguità dell’affitto;

4)      Nuovo magazzino – è ancora lì, l’abbiamo pagato con congruo anticipo ma è ancora lì senza alcuna utilità salvo per chi ha incassato i soldi

5)      ASP – nel corso dell’incontro avuto col consiglio comunale il presidente ci ha detto che da tempo si eccede nei minuti di assistenza per oltre un 11,5%. Siccome i minuti di assistenza determinano il costo del personale questo fatto è costato alla collettività dei tre comuni a spanne tra i 500 e i 750.000 euro l’anno.

Ma si dirà sono cose vecchie . Intanto gestione Asp e nuovo magazzino ricadono sotto la responsabilità  dell’attuale amministrazione.  Ma al di là di questo credo che il problema non sia solo di responsabilità. Chiediamo al sindaco di rinviare le spese non necessarie, di diminuire la pressione fiscale (o almeno non alzarla) e quindi tornare ad una aliquota umana sulla prima casa, non alzare l’addizionale IRPEF e di muoversi verso le esigenze dei cittadini. Chiediamo al sindaco di farsi promotore di azioni verso IREN per evitare il continuo salasso delle bollette. Chiediamo di rinviare l’aumento della tassa rifiuti. O si riducano i costi o non si può amministrare.

 

 

                                                                                              Per il gruppo Risaniamo il Comune

                                                                                                                 Cesare Perini