Home         
 

 

Terremoto e trivellazione, un legittimo sospetto                             pub. 03/06/12

  

Nei giorni che hanno preceduto il terremoto in Emilia si sono susseguiti alcuni eventi, di ben diversa natura ma comunque saldamente legati a quel territorio, che sono stati ripresi dalle maggiori testate nazionali.

Andiamo per ordine: Il 17 febbraio 2012, i Ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali Corrado Clini e Lorenzo Ornaghi hanno decretato la compatibilità ambientale e la conseguente autorizzazione di opere di indagine geologica (cioè trivellazioni con uso di cariche esplosive e pompaggio di acqua ad alta pressione), allo scopo di verificare la realizzabilità di un gigantesco deposito di gas metano, nel sottosuolo dei comuni di San Felice sul Panaro, Finale Emilia, Camposanto, Medolla, Mirandola e Crevalcore, all’interno di una altrettanto gigantesca cavità naturale situata a quasi tre chilometri di profondità ed in grado di servire allo stoccaggio di 3,2miliardi di metri cubi di gas metano (equivalente al volume di un’enorme sfera dal diametro di quasi 2km).

Una vera e propria bomba piazzata sotto i comuni emiliani in una zona ad elevato rischio sismico ma, da quanto risulta dai documenti, dichiarata perfettamente sicura. Questo accadeva tra le proteste dei Verdi di Angelo Bonelli, insieme ad altri partiti, associazioni e comitati cittadini che da anni si oppongono agli studi di fattibilità già promossi sin dal 2005 dai governi Berlusconi e Prodi. Un parere negativo l’aveva anche espresso la Regione Emilia proprio per ragioni di sicurezza da rischio sismico. Clini e Ornaghi hanno però ritenuto ininfluente il parere dei cittadini e considerato ammissibile la trivellazione di pozzi con uso di cariche esplosive, immissione di acqua per fratturazione e pompaggio di gas nel sottosuolo.

Avrete già notato che i comuni oggetto delle opere di trivellazione sono esattamente quelli più colpiti dagli episodi di sciame sismico dei giorni scorsi e quelli ancor più tragici e distruttivi di questa settimana.
A seguito delle prime scosse significative il Governo ha comprensibilmente dato segni di imbarazzo. Il Ministro Clini ha subito parlato di “ulteriori necessari accertamenti“, ricordando a tutti che i Ministeri hanno concesso solo una “valutazione favorevole alla esplorazione” (che si fa trivellando n.d.r.). Poi arriva la società autorizzata alla realizzazione dell’opera, la Erg Rivara Storage srl, società angloitaliana riconducibile, tra gli altri, al patron della Sampdoria Garrone, che nega di aver «realizzato nell’area di Rivara nessuno studio o perforazione, tanto meno con l’iniezione di gas». La Erg si riferisce al cosiddetto fracking.
Il fracking consiste nell’iniettare acqua ad altissima pressione allo scopo di fratturare la roccia, allargare progressivamente la frattura e penetrare in profondità. L’acqua di scarto, trattata con lubrificanti e agenti chimici, tende normalmente a tornare in superficie ed il problema dello stoccaggio di questo residuo fluido, normalmente contaminato da polveri radioattive, è risolto attraverso la creazione di pozzi profondissimi dove l’acqua reflua viene scaricata ad altissima pressione ed il problema si intende risolto. Ed ecco che infatti nel testo del decreto Ornaghi-Clini possiamo individuare le due fasi che precedono l’insufflamento di gas: quella preliminare “di accertamento” che ha inizio dopo il rilascio delle autorizzazioni e la fase “di sviluppo” per la realizzazione dei pozzi di stoccaggio.

Questa seconda fase “di sviluppo” è una rinomatissima causa di terremoti. Non lo dicono i complottisti, ma la comunità scientifica internazionale.

Descrizione: Ohio Fracking EarthquakesNegli USA, lo stato dell’Ohio, che ospita questi pozzi, ha recentemente dovuto regolamentare questa pratica perchè pare che il trivellamento dei pozzi di stoccaggio abbia causato nella zona “una dozzina di terremoti”, la notizia è riportata dall’Huffington Post in un articolo del 9 maggio scorso.

Altrettanto interessante è quanto illustra il sito del Lamont-Doherty Earth Observatory, dipartimento di Scienze della Terra della prestigiosa Columbia University che ci informa qui che la correlazione tra il pompaggio profondo di acque reflue da fracking e terremoti  pari o superiori al grado 5,0 della scala Richter è cosa nota sin dagli anni ’60 come documentato negli eventi sismici occorsi in Arkansas, Texas, Oklahoma, e nel Regno Unito.

 

Recapitolando:

  • Una grossa società vuole trivellare nei comuni di San Felice sul Panaro, Finale Emilia, Camposanto, Medolla, Mirandola e Crevalcore.

  • Le trivellazioni sono propedeutiche alla realizzazione di un enorme serbatoio di gas metano sotterraneo in una zona ad alto rischio sismico.

  • I cittadini si oppongono e la Regione dà parere negativo.

  • I ministri Clini e Ornaghi autorizzano per Decreto le fasi preliminari di indagine, nonostante il parere negativo della Regione, consentendo pratiche come lo stoccaggio di profondità delle acque reflue, che notoriamente possono causare scosse telluriche fino al quinto grado della scala Richter.

  • Il recente sciame sismico ha modalità che appaiono molto simili a quelle riconducibili ad operazioni di pompaggio di acque reflue nel sottosuolo.

  • Metri cubi di melma grigiastra sembrano affiorare un po’ ovunque nei comuni interessati dal sisma.

 

                Franz Mannino

 

(Ringrazio Egidio Casati per la segnalazione e per la ricerca di articoli e documenti).

 

 

Certo, la Erg nega di aver già dato inizio alle perforazioni (smentita però dai dati riportati nella relazione ISPRA e ricavati dalla stessa ERG ma, comunque, non possiamo non porci alcune domande come per esempio: cosa sarebbe successo se il gigantesco “contenitore” sotterraneo fosse stato pieno di gas in alta pressione al momento del terremoto? (La ERG ha dichiarato una pressione di equilibrio del serbatoio di 220 bar alla profondità di 2318 m n.d.r.). Sarebbe uscito il gas fino al punto di rendere completamente irrespirabile l’aria per decine di chilometri o sarebbe esploso incendiandosi “friggendo” qualche centinaia di migliaia di persone o sarebbe esploso a 3 Km di profondità annientando Alpi, Appennini e pianura padana?

 

Prova a leggere la relazione ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) dalla pag. 172 in poi e……. fatti cadere le braccia ed anche altro se vuoi. SCARICA la relazione

Se però vuoi veramente capire i meccanismi degli interessi di pochi ai danni di tutti gli altri allora non dimenticare di leggere l’audizione alla VIII Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati num. 7-00531 e 7-00537 del 12 Aprile 2011. LEGGI E’ documentato che Adriano Zavatti (già Direttore Tecnico dell’ARPA Emilia Romagna) diventa consulente della ERG in questo progetto, in evidente conflitto di interessi. Nella relazione si fa presente quanto possano essere vantaggiosi i ritorni economici per le amministrazioni locali soprattutto nella previsione del federalismo fiscale. Da non trascurare inoltre l’affermazione: ”La geologia della zona di Rivara è ben conosciuta, ed è certo già oggi che le condizioni geologiche e geodinamiche che hanno provocato i terremoti dell’Aquila del 2009 e del Giappone non sono assolutamente presenti a Rivara”. Infatti da 15 giorni il nostro territorio è in frantumi, 17 morti, centinaia di feriti, case inagibili, sistema produttivo in ginocchio. Siamo riusciti a conservare solo la parata del 2 Giugno e le visite dei politici (che tornano a casa entro sera).

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Roberto Nosari