Home         
 

 

Sono solo voci…                                                                                                              pub. 19/05/11

 

Negli ultimi giorni sono continuate ad arrivare mail e telefonate che ci chiedono insistentemente se siano vere certe voci e perché non abbiamo ancora documentato nulla.

Le voci farebbero riferimento ad una presunta condanna, da parte della Corte dei Conti, a risarcire il Comune di Luzzara per una somma  maggiore di € 250.000. Le stesse voci dicono che dovrebbe essere l'ex sindaco Donelli a rimborsare il Comune per la metà e la rimanente cifra se la dovrebbero suddividere gli ex assessori di allora, tra i quali l'attuale vicesindaco Terzi e l’assessore Bosi (partorito in Municipio e lì abbandonato e cresciuto).

Sembrerebbe infatti che la Corte dei Conti, dopo alcune indagini e il sopralluogo della Finanza in Comune, abbia ritenuto illegittimo l'incarico fiduciario a Carnevali da parte dell'ex sindaco Donelli, di conseguenza la condanna al risarcimento del danno alle casse comunali.

A chi ci chiede fino a che punto c'entriamo noi del guano ed in particolar modo io come Nosari, rispondo che forse l'unica colpa, se di colpa si tratta, c'è da far risalire tempo fa, quando ancora ero consigliere e inviai a chi di competenza, una particolareggiata relazione corredata della rispettiva documentazione, puntualmente falsa, come è sempre stato detto da due anni a questa parte, riguardante appunto l'incarico a colui che da sempre abbiamo battezzato come integratore dei pro cessi. Forse ho inviato qualcosa in più delle “cagate”, come qualcuno le ha definite, che avete potuto leggere nei vari articoli apparsi su questo sito, come per esempio:

 

L'integratore dei pro- cessi e il salto degli ostacoli                LEGGI

Il tempo è galantuomo!                                                          LEGGI

Serve solo il pettine giusto e i nodi ……                                LEGGI

 

Mi scuso per avervi nascosto qualcosa, ma l’ho fatto solo a fin di bene. Dovete sapere che qualcuno che conosce molto bene come funzionano queste cose, mi disse che i tempi della burocrazia sono molto più lunghi di quanto mi aspettassi e che se continuavo a pubblicare documentazione tanto particolareggiata, non facevo altro che mettere in allarme certe persone, le quali avrebbero potuto benissimo nel giro di poco tempo, rappezzare in qualche modo le cose e farle apparire meno gravi e quindi non perseguibili. Forse aveva ragione, forse è anche per questo che ultimamente non leggete più cose troppo particolareggiate, forse ……

Sembrerebbe insomma che nonostante le tante falsità, maldicenze, rancori e tutto ciò che già conoscete, qualcuno abbia trovato qualcun altro con “i diti nella marmellata”.

All'epoca della visita della Guardia di Finanza, l'attuale sindaco Costa disse che era un atto dovuto senza specificare se, come e perché. Ora, se non ricordo male, di atti dovuti sparsi nei vari uffici, ce ne dovrebbero essere almeno altri tre. Non ci resta che attendere le relative voci, ovviamente anch'esse false.

Qualcuno ci ha detto “ questa è la dimostrazione che avevate ragione e non dite nulla?”. Cosa dovremmo dire? Che avevamo ragione lo abbiamo sempre saputo e poi, per dirla alla consigliere di maggioranza Luppi, a che pro?

Quando abbiamo puntualmente documentato ciò che dicevamo ci hanno detto che non era vero, se oggi documentiamo, domani ci diranno che è cosa vecchia ed è sempre la stessa storia … Di cosa dovremmo fornire prove? Solo per soddisfare la curiosità di qualcuno? Meglio aspettare il momento opportuno!

Del resto poi sono solo voci, voci sulle continue falsità che abbiamo sempre documentato al solo scopo di avvelenare la campagna elettorale e danneggiare in qualche modo questa amministrazione, tanto casta e pura. Forse non ricordate più la video lettera che Costa vi propinò il giorno prima della sua elezione a sindaco e nella quale chiedeva ai cittadini come mai il Pdl e la Lega suoi principali competitor in campagna elettorale non avessero mai cavalcato nessuno degli argomenti portati avanti dalla lista di Perini?

Potete rivedere il video cliccando qui.

Ora sono io a chiedervi “ avete per caso sentito qualcuno del centro-destra dire qualcosa su questo o altri argomenti?”. Sicuramente no! Eppure sono il maggior competitor di Costa o forse nemmeno questo è vero? Allora perché dovrebbero essere vere queste voci? Sono sicuramente solo voci e come tali vanno prese!

Certo che sarà, ops, chiedo scusa, sarebbe interessante vedere come il Comune potrà(bbe) ritornare in possesso di questi soldi senza doverlo ammettere pubblicamente.

Considerando che i titoli delle entrate si suddividono in:

  • Titolo I, entrate tributarie (imposte, tasse e tributi speciali)

  • Titolo II, trasferimenti correnti (da Stato, Regioni, Organismi comunitari ed Internazionali e da altri enti del settore pubblico);

  • Titolo III, entrate extra-tributarie (proventi di servizi pubblici, multe, utili e dividenti di aziende speciali

  • e partecipate, ecc.).

  • Titolo IV, Entrate derivanti da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti (entrate derivanti da vendita di beni patrimoniali, oneri di urbanizzazione, trasformazioni di aree, trasferimenti di capitale);

  • Titolo V, Entrate derivanti da accensioni di prestiti (entrate da mutui, prestiti e da emissioni di prestiti obbligazionari);

  • Titolo VI, Entrate da servizi per conto terzi.

Non vediamo a quale titolo potrebbe corrispondere la restituzione dei soldi dovuti da Donelli e dai suoi assessori, bisognerebbe chiedere al Dott. Bova, Segretario Comunale di oggi ma anche di ieri e che rappresenta lo Stato (rispetto delle sue leggi), se sarebbe possibile inventare un capitolo VII, con una specifica voce “ rimborsi da amministratori diversamente onesti”, in previsione che queste o future voci dovessero corrispondere al vero e che qualcuno dovesse pagare per i presunti errori commessi in passato.

 

 

                                                                                                                                 Roberto Nosari